Tarika Naqshbandi

Non sono reperibili recapiti se non riferiti a sito ed email
 
Tarika Naqshbandi
www.sufi.it
email: faqir@sufi.it
 

La Tarika Naqshbandi, (in arabo: نقشبندية) è una delle più importanti confraternite mistiche islamiche Sufi. L’Ordine Naqshbandi ha, come tutte le Confraternite Sufi, le sue origini spirituali nella predicazione del Profeta Maometto, ma la particolarità che la contraddistingue è che si tratta dell’unica Confraternita a vantare una discendenza diretta da Abū Bakr as-siddi, il Vicario del Profeta Maometto, citato nel Corano come “il secondo dei due”, cioè il suo sostituto. L’Ordine deriva il suo nome da Shah Bahauddin Naqshbandi, (che significa “colui che ricama su stoffa o l’incisore”). Metaforicamente l’immagine di “colui che ricama” si riferisce alla rappresentazione dell’azione della Realtà divina che “ricama” o “incide” il Suo nome nel cuore dell’adepto. Una delle pratiche distintive della Confraternita è infatti il “dhikr” che consiste nel nominare più volte il nome di Dio, Allah, in quanto, come espresso negli intenti della Confraternita: “lo scopo dell’intera nostra vita é nel ricordarsi di Dio, un ricordo che porta l’aspirante Sufi a trasformarsi, consumarsi, annullarsi ed infine a risorgere nello splendore del manto delle Qualità divine”.

La Confraternita vanta una lunga catena di 40 maestri che si sono succeduti attraverso i secoli mantenendo un filo costante con la tradizione iniziata con il Profeta Maometto. Per quanto concerne il suo radicamento in Occidente questo è avvenuto grazie all’azione delle figure degli ultimi due maestri: Grandshaykh Abdullâh ad-Daghistâni, che nacque nel Daghestân nell’anno 1309H/1891d.C. da una famiglia di medici e il suo successore, Shaikh Muhammad Nazim al-Haqqani, nato nel 1340H – 1922 , ed ancora in vita. Sulla vicenda biografica dei due maestri più recenti della Confraternita esiste una biografia molto dettagliata reperibile a questo link:  www.sufi.it/sufismo/shaykh.htm.

 I presupposti teorici spirituali della Confraternita che definiscono la via dell’adepto consistono in 11 principi:

Consapevolezza del respiro

Osservare i propri passi

Solitudine nella folla

Ricordo essenziale

Ritornare

Attenzione

Raccoglimento

Consapevolezza del tempo

Consapevolezza dei numeri

Consapevolezza del cuore

La Confraternita ha messo in rete anche due canali televisivi dove è possibile visualizzare i discorsi del maestro:

www.sufilive.com/broadcast/    http://saltanat.org/index.php

Scheda a cura di A.L. aggiornata 16 agosto 2014