Spiritualità digitale

Spiritualità digitale

Collana: Spiritualità senza Dio?

Editore: Mimesis
Numero pagine: 47
Formato cm. 11,5 x18
Anno di pubblicazione: settembre 2014

Prezzo E. 4,90
ACQUISTA

ISBN 978-88-5752-xxx-x

 

Il pensiero del Novecento ha portato fino in fondo l’opposizione tra spirituale e materiale. La religione è stata studiata come prodotto socioeconomico o come istinto. Ma questa penetrazione del materialismo nella sfera irrazionale del credere ha lasciato qualcosa d’incompreso. Questo libro indaga la portata di ciò che non abbiamo ancora capito del nostro sentimento religioso a partire dalla smaterializzazione delle relazioni umane, formata e incentivata dalla comunicazione informatica, telematica e via web. Semiologo, Massimo Leone mette in gioco le teorie dei linguaggi nel campo del credere. La progressiva digitalizzazione del significante lo ha trasformato in un simulacro portatile ma freddo. Esso non rappresenta il suo oggetto nel senso di una incarnazione materiale ma in quello di una ricostituzione aritmetica.

Massimo Leone è docente di semiotica e semiotica della cultura presso l’Università degli Studi di Torino. Le sue ricerche vertono principalmente sulla semiotica della religione. Ha pubblicato Religious Conversion and Identity (Routledge 2004), Saints and Signs (De Gruyter 2010), Sémiotique de l’âme, 3 voll. (PAF 2012), Annunciazioni: Percorsi di semiotica della religione, 2 voll. (Aracne 2014).